Il professore Henryk Skarżyński ha riassunto il programma “Prima la Salute”al Senato della Repubblica di Polonia

Home / Strona IT / Il professore Henryk Skarżyński ha riassunto il programma “Prima la Salute”al Senato della Repubblica di Polonia

Il professore Henryk Skarżyński ha riassunto il programma “Prima la Salute”al Senato della Repubblica di Polonia

Il professore Henryk Skarżyński ha riassunto il programma “Prima la Salute”al Senato della Repubblica di Polonia

Ringrazio moltissimo, Signore Maresciallo Stanisław Karczewski, che possiamo incontrarci di nuovo al Senato della Repubblica di Polonia e parlare con lui e con i parlamentari di importanti problemi riguardanti l’assistenza sanitaria e le scienze mediche. Il logo del programma “Prima la Salute” è stato creato durante un incontro presso la sede della Radio Polacca con Rafał Porzeziński – il Direttore del Canale Uno della Radio, quando stavamo riflettendo insieme e cercando un simbolo che potesse essere un riflesso delle nostre azioni congiunte. Questo programma non avrebbe una risposta più forte se non fosse per la cooperazione della comunità medica con la direzione e i giornalisti della Radio Polacca, della Televisione Polacca e dei rappresentanti di altri media.

Il programma è stato avviato da me e successivamente sostenuto dal Comitato di Scienze Cliniche dell’Accademia Polacca delle Scienze e dal Consiglio Principale degli Istituti di Ricerca. Il principale realizzatore nel 2017 è stato il Centro Mondiale dell’Udito, l’Istituto degli Organi Sensoriali, le Società Scientifiche e le squadre di esperti di molte specialità mediche. L’azione potrebbe essere attuata con i principali partner: Radio Polacca e TVP e con il patrocinio della Camera Medica Suprema.

Abbiamo preso l’intero carico organizzativo e logistico della prima edizione del programma “Prima la salute” come il team del Centro Mondiale dell’Udito dell’Istituto do Fisiologia e di Patologia dell’Udito, e sono orgoglioso di dire che questa è stata la più grande impresa di sostegno alla salute non commerciale per i Polacchi questa estate. Al programma hanno partecipato esperti e rappresentanti di vari settori della medicina: parodontologia, otorinolaringoiatria, audiologia, foniatria, cardiologia, oftalmologia, urologia, dermatologia, chirurgia vascolare, riabilitazione, neurologia e dietologia. Il coinvolgimento di giovani medici, studenti di circoli scientifici, tecnici e infermieri merita un riconoscimento speciale, che con grande entusiasmo, impegno e passione hanno preso parte al programma.

Non solo hanno ricevuto centinaia di pazienti con un sorriso, ma hanno anche raccolto volentieri le informazioni sui questionari, hanno compilato i questionari, da quali si crea un rapporto speciale con le linee guida per lo screening in varie specialità mediche. La prima edizione del Programma è stata pilota, anche se svolta con grande impeto in tutta la Polonia durante l’estate.

L’obiettivo principale dell’impresa era di effettuare il test di screening in varie specialità per la promozione di programmi preventivi comuni che consentissero la diagnosi precoce di molte malattie, in particolare le malattie della civiltà.

Per rendere ciò possibile, abbiamo proposto – come comunità medica – attività specifiche, perché non basta parlare solo di problemi. Le difficoltà di comprensione e l’accesso a uno screening probabilmente esteso possono riguardare grandi gruppi sociali e persino intere popolazioni. Se riguarda milioni di persone, allora un errore organizzativo o fattuale, in ipotesi, viene duplicato e moltiplicato. Prima di proporre tali test di massa, è necessario perfezionare tutti, anche i più piccoli dettagli. Se vogliamo dire alla società polacca che siamo in grado – come comunità medica – di organizzare uno screening esteso su larga scala, dobbiamo ricordare che questi studi devono essere ampiamente disponibili.

Pertanto, miravamo a raggiungere il maggior numero di persone che volessero utilizzare il parere di medici specialisti. Penso che questa ipotesi sia stata raggiunta: durante il tour “L’Estate con la Radio” di quest’anno, sono stati forniti i consigli specifici o le consultazioni a più di 5.000 persone interessate e un gruppo significativo delle loro famiglie e parenti. Per la maggior parte, si trattava di conversazioni e suggerimenti molto specifici che indirizzavano il paziente a un ulteriore trattamento per l’unità giusta, abbreviando i tempi della diagnostica multi-specializzata.

Allo stesso tempo, l’obiettivo del programma era anche quello di raccogliere molte informazioni e preparare i rapporti specifici, i cosiddetti dati concreti che dovrebbero essere presi in considerazione nella costruzione della politica sanitaria dello Stato. Sotto forma di una relazione appropriata, saranno preparati per il Ministero della salute. Non vogliamo parlare del Programma come un’azione unica. Raggiungeremo il successo che il nostro ambiente può permetterci e creeremo un programma di sostegno multispecialista per tutto l’anno per la salute dei Polacchi – Programma per Prevenire le Malattie della Civiltà.

Ricordiamo spesso che la nostra società sta invecchiando. Sfortunatamente, a parte la retorica, non incontriamo spesso le azioni o i programmi specifici per affrontarli e possiamo cambiarli.

Come ho già detto, abbiamo dato un aiuto concreto a migliaia di residenti delle città e dei villaggi polacchi, comprese tutte le famiglie.

Durante il corso del programma, abbiamo ottenuto i dati concreti che, dopo l’elaborazione di esperti di specialità particolari, dovrebbero essere inclusi nella costruzione della politica di sanità pubblica. Questi dati confermano la necessità di riorganizzare un progetto come il programma “Prima la Salute” che consente la diagnosi precoce di molte malattie, in particolare quelle chiamate della civiltà, che riguardano i grandi gruppi sociali.

I risultati del test mostrano solo dati allarmanti nella nostra specialità: oltre il 70% dei pazienti nella fascia più anziana ha problemi di udito. Pertanto, il programma è una delle poche forme per raggiungere questo gruppo target non molto attivo che è in continua crescita.

Per la prossima edizione del Programma nel 2018, vorremmo invitare rappresentanti di nuove specialità per renderlo ancora più attraente per i Polacchi. Tuttavia, questa idea ci mette di fronte alla risposta alla domanda sulla durata, la portata del progetto. Vorremmo che si trattasse di un anno intero che coinvolge il maggior numero possibile di specialità.

Intendiamo inoltre rafforzare il ruolo dell’Accademia Polacca delle Scienze e del gruppo di esperti che collaborano con esso nel quadro del Comitato di Scienze Cliniche e del Comitato di Sanità Pubblica dell’Accademia Polacca delle Scienze, un gruppo di consulenti nazionali che fornirano un supporto sostanziale al Ministero della Salute nella regione inclusa nel programma.

Alla prossima edizione del programma, in qualità di rappresentanti di otorinolaringoiatria, audiologia e foniatria, intendiamo presentare uno dei nostri ultimi risultati innovativi: Capsula d’Essaminare dei Sensi. – La capsula è un sistema integrato di strumenti diagnostici e di tele-riabilitazione delle malattie dei organi di senso, quindi udito, visione, parola, equilibrio, gusto, olfatto . Nell’attuazione di questo progetto, collaboriamo, tra gli altri, con l’Università di Tecnologia di Varsavia, l’Istituto degli Organi Sensoriali, Dipartimento di Oftalmologia della II Facoltà di Medicina, WUM, Dipartimento di Otorinolaringoiatria, dell’Università Nicolaus Copernicus a Bydgoszcz e molti altri gruppi di esperti.

Attualmente non esiste un sistema integrato di questo tipo nel mondo, per cui è possibile eseguire l’esame degli organi sensoriali più importanti in un unico luogo e in un breve periodo di tempo. Per diagnosticare i successivi disturbi d’organo, i pazienti devono visitare più centri – questo significa molte visite e spesso i mesi lunghi di attesa per le consultazioni. Per molte persone, le diagnosi sono così pesanti che abbandonano gli essami e il trattamento. È importante sottolineare che il contenuto dei dispositivi integrati – inseriti in una capsula universale – non solo consentirà la diagnosi, ma anche teleriabilitazione a distanza di pazienti con i problemi degli organi sensoriali, tra cui, ad esempio, le persone con un impianto uditivo possizinoanto.

La percentuale di pazienti con i disturbi sensoriali aumenta, sia nei bambini che nel gruppo degli anziani. I disturbi non rilevati e non trattati nei bambini ostacolano il loro sviluppo e, dopo i 65 anni, sono una delle principali cause di esclusione sociale e professionale. C’è una possibilità che il nuovo dispositivo risolva in larga misura questi problemi. Grazie alle soluzioni teleinformatici, sarà possibile raccogliere tutti i risultati della ricerca realizzati in ciascuna capsula e trattarli in modo integrato, in modo che sia facile trarre conclusioni su molte malattie neurodegenerative la cui diagnosi è possibile.

Approfittando di questa opportunità, vorrei ringraziare tutti coloro che sono stati molto attivi nell’attuazione del Programma. Un ringraziamento speciale ai leader: prof. Grzegorz Opala, la prof.ssa Renata Górska, la prof.ssa Iwona Grabska-Liberek, il prof. Grzegorz Opolski, il prof. Tomasz Konopka, il prof. Sławomir Majewski, il prof. Piotr Radziszewski, la prof.ssa Maria Barcikowska, il prof. Piotr Andziak. Voglio ringraziare tutti i giovani medici e studenti delle società scientifiche che hanno partecipato al programma. Vorrei anche ringraziare la Televisione Polacca e la Radio Polacca, nelle quali si parlava molto del programma e del nostro lavoro.

Grazie mille per le presentazioni di oggi. Il fatto che volevate voglia condividere le tue conoscenze con noi, tratto come inestimabile. Per anni abbiamo praticato il dialogo tra gli esperti e i giornalisti con la partecipazione di Maresciallo Stanisław Karczewski al Senato della Repubblica di Polonia.

Oggi abbiamo ascoltato molti eccellenti discorsi e commenti scientifici dalla radio, dalla televisione e dalla stampa di eminenti giornalisti che si occupano della sanità scientifica, medica e quotidiana.

Grazie a tutti per la vostra collaborazione.