Il primo telefitting tra l’Africa ed l’Europa – La Polonia è leader nel trattamento moderno di pazienti con i problemi dell’udito utilizzando la telemedicina

Home / Strona IT / Il primo telefitting tra l’Africa ed l’Europa – La Polonia è leader nel trattamento moderno di pazienti con i problemi dell’udito utilizzando la telemedicina

Il primo telefitting tra l’Africa ed l’Europa – La Polonia è leader nel trattamento moderno di pazienti con i problemi dell’udito utilizzando la telemedicina

,
Il primo telefitting tra l’Africa ed l’Europa – La Polonia è leader nel trattamento moderno di pazienti con i problemi dell’udito utilizzando la telemedicina

 Il 26 agosto, a Dakar, in Senegal, si è svolto il primo telefitting, ovvero la regolazione a distanza del processore della favella da specialisti polacchi dell’Istituto di Fisiologia e di Patologia dell’Udito e del Centro Internazionale dell’Udito e della Favella Medincus di Kajetany. Il paziente che prende parte a teleconsultazioni è un bambino di 7 anni del Senegal con perdita uditiva congenita che è stato operato in clinica nel 2016 a Kajetany. Il sistema di telefitting è una soluzione unica nel mondo della regolazione remota degli impianti cocleari, garantendo una maggiore disponibilità di trattamento per i pazienti con problemi di udito e una riabilitazione più efficace.

Nel primo collegamento tra la Polonia e l’Africa tramite il sistema di telefitting, ha partecipato un team interdisciplinare di medici e ingegneri. A Dakar la consultazione è stata condotta da Aissa Diaga Ngom, specialista di audiologia dal Senegal sotto la supervisione di specialisti polacchi il professore straordinario Piotr H. Skarżyński, libero docente in medicicna e Łukasz Bruski, il dottore in scienze della salute mentre in Polonia la sessione è stata supervisionata da specialisti del Centro Mondiale dell’Udito e del Centro Internazionale dell’Udito e della Favella Medincus.

Durante la visita della delegazione polacca in Senegal, ci sono stati anche li incontri con gli specialisti locali volti a includere il centro di Dakar nella Prima Rete Teleaudiologica del mondo. La Rete Nazionale di Teleaudiologia è un sistema che include teleriabilitazione, telefitting, tele-educazione, screening, telediagnostica in Europa, Asia e Africa, è stato creato nel 2009 presso l’IFPS, attualmente è composta da 24 stazioni di telemedicina. Lo sviluppo dei contatti con il Senegal è stato possibile grazie alla riapertura dell’Ambasciata Polacca a Dakar e del fililale dell’Agenzia Polacca per gli Investimenti e il Commercio

Il telefitting consente ai pazienti di eseguire la riabilitazione dell’udito a distanza. I pazienti non devono più andare in ospedale ogni pochi mesi. È sufficiente che raggiungano uno dei centri più vicini, integrati da un sistema di teleconferenza con la Clinica di Kajetany. Ogni anno diverse migliaia di pazienti usano le soluzioni di telemedicina. Grazie al sistema di telefitting, la visita non è sostanzialmente diversa da quella fatta di persona, solo che il paziente e il medico si vedono sullo schermo. L’uso dei migliori, controllati per anni, metodi di abbinamento e riabilitazione a distanza fornisce dei benefici materiali tangibili – risparmiando il tempo e dei soldi per i pazienti e un migliore utilizzo del tempo del personale medico.

Per ottenere i migliori risultati in termini di miglioramento dell’udito dopo il posizionamento dell’impianto cocleare, è necessario fornire al paziente un’assistenza post-operatoria ben organizzata e a lungo termine. La riabilitazione dell’udito è un processo a lungo termine e laborioso che richiede molto impegno, conoscenza completa, esperienza e continuità. Uno dei compiti più importanti nell’ambito di questa cura è la regolazione ottimale dell’impianto uditivo. È necessario per la corretta trasmissione dei suoni ambientali, inclusa la favella, al percorso uditivo del paziente.

Gli specialisti del Centro Mondiale dell’Udito con l’aiuto di personale addestrato del centro locale, possono eseguire tutti i test, le misurazioni e le visite mediche necessarie e un ingegnere clinico, alloggiato nel suo ufficio a Kajetany, può assumere il controllo del computer remoto e riprogrammare il processore della favella del paziente in base ai risultati delle misurazioni. Internet consente agli specialisti del Centro di organizzare una teleconferenza che permette d’avere il contatto visivo e uditivo con il paziente e il personale di supporto, e il software desktop remoto permette di prendere il controllo di un computer lontano permettendo di effettuare dei misurazioni e un regolamento.

Il telefitting è sicuro, affidabile e ben ricevuto sia dai pazienti che dagli specialisti. I parametri di stimolazione elettrica ottenuti durante la trasmissione non differiscono dai valori ottenuti durante un regolamento tradizionale in contatto personale con il paziente. Tutto ciò significa che grazie a questo sistema, il medico ottiene uno strumento nuovo, estremamente efficiente per controllare ciò che è stato fatto per il trattamento e l’ulteriore riabilitazione del paziente.

– La riabilitazione con l’uso del sistema di telefitting è un altro modello di cooperazione tra la Polonia e l’Africa che è stato appena implementato. Stiamo cercando di diffondere il sistema di teleconsultazioni sui mercati africani, che abbiamo già lanciato congiuntamente con l’Ucraina e il Kirghizistan. Questo consente di svolgere le attività mediche specifiche, controllare le attrezzature e condurre la riabilitazione attraverso le connessioni Internet, ad esempio da remoto. Cerchiamo anche di creare unità di patron e filiale comuni con  gli specialisti locali che si collegheranno con noi attraverso sessioni di telemedicina per effettuare una diagnosi comune dei pazienti – dice il professore straordinario Piotr H. Skarżyński, libero docente in medicicna dal Centro Mondiale dell’Udito.

Gli otorinolaringoiatri polacchi durante la cooperazione a lungo termine con gli specialisti provenienti da paesi africani hanno ricevuto le proposte per i lavoricongiunti scientifici e di ricerca. All’inizio, siamo riusciti a organizzare i test di screening dell’udito in Ghana, Camerun, Marocco, Algeria, Costa d’Avorio, Congo, Tanzania, Senegal e Ruanda. Gli specialisti africani vengono anche in Polonia per conoscere le conoscenze offerte dalla scuola polacca di otorinolaringoiatria nel campo della diagnostica e del trattamento e la riabilitazionedell’udito. Sono interessati alle nostre pratiche cliniche, vogliono modellarsi sulle esperienze polacche.

La cooperazione nella terapia e nella riabilitazione dei pazienti offre anche l’opportunità di studiare le malattie ad un livello così avanzato, che in Polonia non c’è più a causa dell’alto livello della nostra medicina. In Africa, la scala dei problemi e delle sfide è diversa. Si presume spesso che l’ipoacusia sia una condizione naturale e deve essere così. Tuttavia, la crescente consapevolezza che la perdita dell’udito può essere curata motiva ad aiutare i pazienti e utilizzare le conoscenze e le opportunità offerte dalla medicina moderna e dalla telemedicina.