14a Conferenza Internazionale sugli Impianti Cocleari ed Altre Tecnologie Uditive Impiantabili

Home / News / 14a Conferenza Internazionale sugli Impianti Cocleari ed Altre Tecnologie Uditive Impiantabili

14a Conferenza Internazionale sugli Impianti Cocleari ed Altre Tecnologie Uditive Impiantabili

Organizzate ogni due anni, le Conferenze Internazionali sugli Impianti Cocleari ed altre Tecnologie Uditive Impiantabili sono una serie di reunioni scientifiche altamente prestigiose dedicate non solo a problemi legati agli impianti uditivi, ma anche alla riabilitazione ed alla cura delle persone con problemi di udito. La Conferenza è stata organizzata dll’American Cochlear Implant Alliance (ACI) in collaborazione con l’Università di Toronto.

L’utilizzo di impianti uditivi, principalmente cochleari nella sordità unilaterale, è stato il tema principale della conferenza. Le persone con sordità unilaterale sono un gruppo relativamente nuovo e relativamente ampio di pazienti che fino a poco tempo fa non sono stati considerati candidati per il posizionamento di un impianto cocleare. Attualmente, sono presenti sempre più relazioni da diversi centri in tutto il mondo (principalmente in Europa, dove questo metodo è stato usato da diversi anni), che confermano i vantaggi
del posizionamento dell’impianto in questi pazienti, in particolare nei pazienti con sordità unilaterale e tinnito noioso.

L’acufene è un’ulteriore indicazione per l’uso della stimolazione elettrica, che, come dimostrano i risultati della ricerca scientifica e dell’esperienza clinica, favorisce sua abitudine. Negli Stati Uniti, il programma di posizionamento dell’impianto in persone con sordità unilaterale è appena iniziato solo perché la Federal Drug Administration (l’agenzia governativa che controlla cibo, droghe, integratori alimentari e dispositivi medici) è solo
in fase di esame di questa procedura prima di ammetterlo alla pratica clinica. Quindi gli Americani hanno invitato gli scienziati provenienti dall’Europa, inclusi i Polacchi, a condividere le loro esperienze nel trattamento dei pazienti con questo tipo di problemi
di udito.

Le persone con sordità unilaterale e con l’impianto messo all’altro orecchio sono candidati ideali per la ricerca scientifica sugli effetti della stimolazione elettrica. Solo una persona così è in grado di confrontare ciò che sente attraverso l’impianto, con quello che si sente con un altro orecchio che funziona correttamente. Ciò crea un’occasione unica per ampliare la nostra comprensione della percezione uditiva delle persone con impianti cocleari e può contribuire allo sviluppo di nuovi e più efficaci metodi di trattamento e riabilitazione.

Alla conferenza di Toronto, il prof. Michael Dorman della Arizona State University negli Stati Uniti, ha sottolineato questo punto nel suo corso all’invito. La sua ricerca con la partecipazione di persone con sordità unilaterale e l’utilizzo dell’impianto contribuirà alla creazione della simulazione, che meglio presenta come una persona può sentire con
un impianto cocleare.

I suoi risultati indicano che varie simulazioni di una tale audizione precedentemente sviluppate – alla base della conoscenza del funzionamento di un impianto – (la tesi di dottorato di Adam Walkowiak su questo argomento è stata creata presso l’Istituto di Fisiologia e di Patologia del’Udito) non corrispondono pienamente alla realtà e la qualità del suono trasmessa da questo dispositivo non è così male come sembra. I lavori legati alla qualità dell’udito tra gli utenti degli impianti cocleari è oggi una delle direzioni più importanti della ricerca in questo campo.

Questa è una novità, perché finora ci siamo concentrati su questioni legate alla comprensione del discorso e ai modi per migliorare la sua percezione. Attualmente, quando più e più pazienti con impianti distinguono il discorso non solo in silenzio, ma anche in rumore, il focus principale della ricerca si sta muovendo verso il miglioramento dell’estetica del suono percepito da loro. Questo è di grande importanza, ad esempio quando si ascolta la musica. La sua percezione rimane sotto la direzione di regole leggermente diverse rispetto alla percezione del discorso, che, anche se suona spiacevole, rimane comunque comprensibile. Così il paziente che capisce molto bene il discorso può avere problemi con la percezione della musica, per cui il suo suono non sarà per né bello né piacevole.

Il miglioramento dell’impressione estetica del suono – è pertanto un altro ostacolo da superare nel campo degli impianti cocleari. Come farlo? Si può cercare di cambiare la costruzione dell’impianto e dell’elettrodo, migliorare le tecniche per il posizionamento proprio nella coclea – nella distanza ottimale dei neuroni, si possono migliorare le strategie di codifica sonora e nei pazienti con sordità parziale si può sempre cercare opportunità per legare ulteriormente il loro udito naturale con l’udito elettrico. Possono anche essere creati programmi speciali di riabilitazione che sfruttano la plasticità del cervello
per migliorare la qualità dei suoni sentiti.

Certamente, in molte di queste attività, le conoscenze fornite dagli studi sopra citati con persone che soffrono di sordità unilaterale saranno molto utili. Sono inoltre condotti presso l’Istituto di Fisiologia e di Patologia dell’Udito, sotto la cui supervisione rimane uno dei più grandi gruppi mondiali di pazienti con l’udito corretto in un orecchio e l’impianto in altro orecchio. I risultati della ricerca innovativa condotta con la loro partecipazione sono stati presentati alla conferenza di Toronto dal dottore, ingeniere, Artur Lorens, libero docente del Dipartimento di Impianti e di Percezione Uditiva. Questo gruppo di pazienti dell’Istituto ha sviluppato un programma speciale di riabilitazione, presentato da Dorota Pastuszak, sottolineando la necessità di modificare le attività di riabilitazione a causa dell’emergere di nuovi gruppi di pazienti che utilizzano impianti.

Le persone con sordità parziale con l’udito normale a 1500 Hz sono anche un nuovo gruppo in cui viene aggiunto il complemento elettrico all’udito naturale.

Ne ha parlato il professore Henryk Skarżyński a Toronto per quanto riguarda l’estensione delle indicazioni per un intervento di un impianto. Ha sottolineato che questo è possibile grazie ai metodi elaborati da lui del posizionamento  atraumatico degli elettrodi nella cochlea, consentendo la conservazione dell’udito esistente nel paziente a bassa frequenza. La conservazione della possibilità di udire queste frequenze dopo il posizionamento dell’impianto è di grande importanza, tra l’altro, per la percezione della musica.

Alla conferenza di Toronto si è dedicata particolare attenzione al ruolo della musica nel trattamento dei pazienti che utilizzano impianti. Il Dr. Charles Arto dell’Università della California nel suo invito ha presentato, tra l’altro, il progetto sulla creazione di musica adatta alle capacità percettive di persone con impianti cocleari che tiene conto delle limitazioni nella trasmissione del suono, che caratterizza questi dispositivi. Ha anche richiamato l’attenzione sulla dimensione individuale della percezione della musica. Lo ha paragonato alla degustazione di vini. Ci sono persone che hanno un senso di gusto così sofisticato che distinguono un bicchiere di vino economico da quello di marca, ma ci sono anche quelli per i quali entrambi i vini avranno lo stesso sapore. Questo vale anche per la percezione della musica.

Il fatto che ci siano delle pazienti con impianti che non siano soddisfatti della percezione della musica, non è causato solo dai limiti del dispositivo. Le persone con istruzione musicale possono avere aspettative molto alte per la percezione del suono, che l’impianto non è in grado di far fronte.

La musica trasmessa attraverso l’impianto non può dare piacere a queste persone. Per gli altri, meno esigenti, al contrario. Tuttavia, in molte comunicazioni legati alla riabilitazione, è stato sottolineato che nei pazienti con impianti l’addestramento con elementi di musica
ha un effetto benefico sulla comprensione del linguaggio.

Il prof. Warren Estabrooks di Canada ha richiamato l’attenzione sui problemi relativi alla riabilitazione degli adulti, in particolare quelli che sostituiscono gli apparecchi acustici agli impianti cocleari e quelli con sordità unilaterale. Ha esaminato quali programmi
di riabilitazione sono offerti ai pazienti in diversi paesi. Ha confermato che solo pochi centri al mondo offrono cura di tutti i pazienti, come avviene presso l’Istituto di Fisiologia
e di Patologia dell’Udito.

Nelle sessioni sulla riabilitazione dei bambini è stato discusso l’uso della lingua dei segni e il supporto allo sviluppo delle abilità linguistiche nel linguaggio del discorso. Negli Stati Uniti e nel Canada, dove la dissimilarità linguistica e culturale delle persone sorde si manifesta pesantemente, c’è la pressione per le persone che hanno problemi di udito, inclusi quelli che usano gli impianti, per imparare la lingua dei segni. Andrea Warner-Czyż dell’Università del Texas ha esaminato se effettivamente supporta la riabilitazione dei bambini con un impianto cocleare. Dopo due anni di osservazione di un gruppo di questi bambini, ha dichiarato il ritardo nello sviluppo della lingua fonica nei bambini con impianti in cui è stata introdotta anche la lingua dei segni. A causa del periodo di osservazione relativamente breve, non è necessario trarre conclusioni propensi. C’è una correlazione che esiste nei bambini che crescono in famiglie bilingue che acquisiscono inizialmente competenze in entrambe le lingue più lentamente. Tuttavia, nel tempo, il livello di sviluppo del linguaggio è equilibrato.

Questo può anche influenzare i bambini con impianti che sviluppano contemporaneamente il linguaggio vocale e la lingua dei segni, per cui abbiamo bisogno di ulteriori ricerche condotte onestamente in questo settore.

Małgorzata Zgoda, dell’Istituto di Fisiologia e di Patologia dell’Udito, ha presentato a Toronto i risultati degli studi unici sull’influenza dei fattori socioeconomici sui risultati educativi dei bambini che usano un impianto. Non hanno dimostrato l’influenza della loro situazione finanziaria su questi risultati, tuttavia il livello di istruzione dei genitori è risultato essenziale.

I figli dei genitori meno istruiti avevano dei risultati accademici peggiori rispetto ai bambini di madri e padri più istruiti.

Questa è una sfida enorme per gli specialisti di riabilitazione che trattano un genitore spesso come un osservatore passivo di attività terapeutiche, dimenticando che il tutor consapevole e istruito fornisce al bambino il miglior supporto. Per questa ragione, utilizzata all’Istituto, la riabilitazione verbale-uditiva in cui si esprime tanto enfasi sul coinvolgimento dei genitori nella terapia di un bambino con problemi di udito può essere molto efficace.

Durante la Conferenza Internazionale sugli Impianti Cocleari ed Altre Tecnologie Uditive Impiantabilia Toronto, che ha attirato quasi 2000 partecipanti, sono state presentate più
di 470 opere. Essi riguardavano anche l’uso di impianti uditivi dell’orecchio medio.

L’Istituto di Fisiologia e di Patologia dell’Udito come uno dei primi centri del mondo ha implementato gli ultimi tipi di questi dispositivi nella pratica clinica. I risultati eccellenti ottenuti presso l’Istituto sono stati presentati dal dottore Piotr H. Skarżyński,libero docente.

Alla conferenza di Toronto, la Polonia è stata rappresentata solo dal gruppo di sette specialisti dell’Istituto (prof. Henryk Skarżyński, dott. ing. Artur Lorens, dott. Piotr H. Skarżyński, libero docente, dott.ssa Monika Ołdak, dott. Adam Walkowiak, Małgorzata Zgoda, Dorota Pastuszak,), sotto la supervisione di cui rimane uno dei più grandi gruppi di pazienti con problemi di udito nel mondo trattati con dispositivi impiantabili. Presentati da loro 22 corsi riflettono le indicazioni della più recente ricerca nel campo degli impianti uditivi.