Professore Henryk Skarżyński ha tenuto una conferenza inaugurale presso l’Accademia di Pedagogia Speciale

Home / News / Professore Henryk Skarżyński ha tenuto una conferenza inaugurale presso l’Accademia di Pedagogia Speciale

Professore Henryk Skarżyński ha tenuto una conferenza inaugurale presso l’Accademia di Pedagogia Speciale

, ,
Professore Henryk Skarżyński ha tenuto una conferenza inaugurale presso l’Accademia di Pedagogia Speciale

In occasione dell’inizio cerimoniale dell’anno accademico 2018/2019, il 28 settembre il prof. Henryk Skarżyński, ha consegnato presso l’Accademia di Pedagogia Speciale M. Grzegorzewska a Varsavia, la conferenza inaugurale su “L Udito nello sviluppo umano”. Vale la pena ricordare che nel 2011 APS ha assegnato al prof. Henryk Skarżyński, il tittolo del dottore honoris causa.

La cerimonia è stata anche onorata dalla presenza di: Paweł Kotarek, consigliere del Ministro della Scienza e dell’Istruzione Superiore, prof. Zbigniew Marciniak, presidente del Consiglio Principale della Scienza e dell’Istruzione Superiore, prof. Tomasz Borecki, direttore dell’Istituto per i Problemi della Civiltà Contemporanea, il prof. Tomasz Szapiro, ex Rettore della Scuola di Economia di Varsavia, prof. Joanna Madalińska-Michalak, presidente della Società Pedagogica Polacca, prof. Alicja Siemak-Tylikowska dell’Università di Varsavia, Włodzimierz Paszyński, Vicepresidente di Varsavia, Dorota Skrzypek, Vice Provveditore di Masovia, Walentyna Rakiel-Czarnecka, rappresentante del Marshall del Voivodato di Masovia Adam Struzik, Dorota Habich, presidente del consiglio di amministrazione del Fondo Nazionale per la Riabilitazione dei Disabili, Adam Marcin Zakrzewski, direttore del Gruppo Indipendente degli Enti Pubblici per il Trattamento Aperto Varsavia-Ochota, prof. Jadwiga Frelek, prof. Bogusław Milerski, Rettore dell’Accademia Teologica Cristiana di Varsavia, prete prof. Krzysztof Pawlina, Rettore della Facoltà Pontificia di Teologia a Varsavia, il prof. Krzysztof Lewenstein, Vice-rettore per la scienza all’Università di tecnologia di Varsavia, prof. Hanna Godlewska-Majkowska, Vice-Rettore per la cooperazione con l’ambiente della Scuola di Economia di Varsavia, prof. Anna Fidelus, Vice-Rettore per gli affari degli studenti e l’educazione presso l’Università Cardinale Stefan Wyszyński, prof. Michał Zasada, vicerettore per la cooperazione internazionale presso l’Università di Scienze della Vita di Varsavia, prof. Waldemar Raźniak, vice-rettore dell’Academia Teatrale A. Zelwerowicz a Varsavia,  prof. Monika Gruszkowska, Vice-rettore per la ricerca e l’attuazione dell’Accademia di Educazione Fisica, prof. Grzegorz Sędek, Vice-Rettore per la scienza presso l’SWPS dell’Università degli Studi Umanistici e Sociali, prof. Kazimierz Przybysz, Vice-rettore di didattica presso l’Accademia L. Koźmiński, prof. Zdzisław Bohdanowicz, vice rettore dell’educazione dell’Università Militare di Tecnologia, prof. Robert Żak, Vice Rettore di Didattica presso la Scuola Superiore P. Włodkowic in Płock, prof. Mirosław Minkina, Vice-rettore per la scienza presso l’Università di Scienze Naturali e Umanistiche a Siedlce, Brig. Dott.ssa ing. Anna Prędecka, decano del Dipartimento di Ingegneria della Sicurezza Civile presso la Scuola Principale di Servizio Antincendio, dr Małgorzata Cieciora, decano del Dipartimento di Gestione delle Informazioni dell’Accademia Polacca-Giapponese di Informatica, prof. Karol Poznański, ex Rettore di APS, prof. Jan Łaszczyk, ex Rettore della APS, Barbara Sochal, presidente dell’Associazione Polacca di J. Korczak, Elżbieta Oleksiak, segretaria del Gruppo Consultivo e capo del Centro di Riabilitazione nell’Ufficio del Consiglio Centrale dell’Associazione Polacca dei Ciechi, Magdalena Piotrowska, direttrice del Centro di Varsavia di Fondazione “Università dei bambini”, Aleksandra Szewczyk della Fondazione “Aiutare in Tempo”e Olimpia Rumanowska-Zapiór, direttrice di Consultorip Psicologicoe Pedagogico nr 21 a Varsavia. Gli ospiti sono stati accolti dal prof. Stefan Kwiatkowski Rettore dell’Accademia.

Nella sua conferenza inaugurale, il prof. Henryk Skarżyński ha ripetutamente sottolineato che la comunicazione, l’accesso alle informazioni e il loro scambio sono una delle basi per lo sviluppo della società moderna. . Mentre nei primi anni del XX secolo la manualità deciso nel  più di 90 per cento del funzionamento dell’uomo e la sua posizione nella società, ora di tutto quello in circa 90 per cento decide la capacità di comunicarsi. Un buon udito è essenziale in questo caso. Le parole di Seneca “Non è bello vedere tutto, non è bello sentire tutto” è passato alla storia. Tuttavia, la medicina fa di tutto per aiutare migliaia e persino milioni di persone che, a causa di vari tipi di perdita dell’udito, non possono funzionare normalmente nel mondo moderno.

Il prof. Skarżyński ha dedicato molta attenzione nella sua lezione per le ultime tecnologie nel trattamento della sordità parziale, per la musicoterapia e per la diagnostica nella Capsula d’Essaminare dei Sensi – il primo dispositivo mobile al mondo che consente al paziente di auto-controllare 5 sensi: udito, vista, olfatto, gusto ed equilibrio, nonché favella e la fonzione di elaborazione uditiva. Questo sistema innovativo di controllo sanitario, che consente la diagnostica e l’analisi simultanea dei sensi, consente a tutti di esaminare in modo rapido e indolore.

– Fino ad ora, per diagnosticare singoli organi, i pazienti dovevano visitare diversi centri specializzati. – ha detto durante la lezione il prof. Skarżyński – Permettergli di farlo in un posto, in occasione di acquisti in un centro commerciale, può influire sulla diffusione dei test di screening, modellare atteggiamenti pro-salute e costruire la solidarietà intergenerazionale, alla quale ci interessa davvero. L’implementazione di questo progetto ci ha richiesto di rivedere attentamente le attuali conoscenze sui metodi diagnostici e terapeutici e sui dispositivi utilizzati nei pazienti con questo tipo di disturbo.
Questo è un sacco di lavoro, ma soprattutto una grande sfida scientifica, perché ora non esiste un sistema di dispositivi nel mondo, grazie al quale è possibile fare un singolo esame di tutti i sensi ed organi del linguaggio. Questo sistema consentirà interventi precoci, l’individuazione di malattie neurodegenerative nelle società che invecchiano e consentirà alla politica sanitaria dello stato di basarsi sui risultati degli studi preventivi sulla popolazione. Tutti i progetti scientifici e di ricerca da noi condotti mirano principalmente a migliorare la vita e la salute della società. – aggiunto il prof. Skarżyński.

La percentuale di pazienti affetti da organi sensoriali è in aumento, sia tra i bambini che nel gruppo di anziani. Disturbi non rilevati e non trattati nei bambini ostacolano il loro sviluppo, e dopo i 65 anni sono una delle principali cause di esclusione sociale e professionale. C’è una possibilità che il nuovo dispositivo risolva in larga misura questi problemi. Grazie alle soluzioni ICT, ci sarà possibile raccogliere tutti i risultati della ricerca eseguiti in ciascuna Capsula e elaborarli in modo integrato, in modo che sia facile trarre conclusioni su molte malattie neurodegenerative, la cui diagnosi è possibile.

Alla fine della lezione del prof. Henryk Skarżyński ha anche presentato gli ultimi risultati del Centro Mondiale dell’Udito dell’Istituto di Fisiologia della Patologia dell’Udito. Oggi, il Centro e creata dal prof. Skarżyński la “scuola di otochirurgia polacca” è un marchio riconoscibile nel mondo e un biglietto da visita della scienza e della medicina polacche nel mondo. In Kajetany – da 15 anni – il più grande numero delle operazioni che migliorano l’udito nel mondo viene eseguito. Molte procedure chirurgiche sono state eseguite qui per la prima volta nel mondo. Gli specialisti del Centro sono pionieri nell’impiantazione di vari impianti uditivi in nuovi gruppi di pazienti. E in Kajetany che è stata sviluppata e lanciata la prima Rete Nazionale di Teleaudiologia al mondo e sono stati sviluppati strumenti innovativi di telemedicina. Il centro è anche un centro di insegnamento e ricerca unico. Conduce un’ampia cooperazione scientifica, clinica e didattica con dozzine di paesi in tutto il mondo. I programmi di screening all’avanguardia per la diagnosi precoce delle disabilità uditive vengono effettuati in quattro continenti.