La grande finale del 4 ° Festival Internazionale di Musica per i Bambini, Giovani ed Adulti con Disturbi dell’Udito “Dei Ritmi Cocleari”

Home / News / La grande finale del 4 ° Festival Internazionale di Musica per i Bambini, Giovani ed Adulti con Disturbi dell’Udito “Dei Ritmi Cocleari”

La grande finale del 4 ° Festival Internazionale di Musica per i Bambini, Giovani ed Adulti con Disturbi dell’Udito “Dei Ritmi Cocleari”

, ,
La grande finale del 4 ° Festival Internazionale di Musica per i Bambini, Giovani ed Adulti con Disturbi dell’Udito “Dei Ritmi Cocleari”

Il IV Festival Internazionale di Musica per i Bambini, Giovani ed Adulti con Disturbi dell’Udito “Dei Ritmi Cocleari”ha concluso il concerto con la partecipazione di dieci vincitori selezionati dalla giuria. “Non nascondiamo le emozioni, è così nobile e umano.” Con queste parole, il prof. Henryk Skarżyński ha annunciato esibizioni sul palco del padiglione di concerto d’Orchestra Sinfonia Varsovia. I vincitori sono stati accompagnati d’Orchestra da Camera Dei Giovani Divertimento sotto la direzione di Krzesimir Dębski. Il Ministero della Salute ha assunto il patrocinio onorario sul Festival.

All’inizio del Festival, si siamo emozionati che le persone sorde ci presentano le loro abilità musicali – ha detto il prof. Ryszard Zimak, che presiedeva la giuria per la quarta volta. – Dopo quattro anni, non valutiamo i pazienti dotati di talento con disturbi dell’udito, ma giovani artisti, spesso dimenticando che sono utenti di impianti uditivi. Non troviamo i difetti musicali o artistici in essi. Quindi qualcosa è cambiato! Signore Professore, questa grande opera
mi afferra il cuore! – ha detto il prof. Zimak poco prima dell’inizio degli spettacoli dei vincitori.

La finale, diretta da Iwona Konarska e – tradizionalmente – da Maciej Miecznikowski ha avuto luogo nella sala da concerto della Sinfonia Varsovia, in un luogo in cui – come lo ha sottolineato il prof. Henryk Skarżyński: presto verrà creata la più grande sala da concerto d’Europa. La prima ad apparire sulla scena fu Rebecca Stewart, diplomata alle Royal Schools of Music, che arrivò a Varsavia dalla Nuova Zelanda. È una grande fan della musica, in particolare di Fryderyk Chopin, in cui una malattia della pelle ha causato una perdita uditiva quasi completa. Dopo aver impiantato l’impianto nel 2016, Rebekah è tornata nel mondo del suono e della musica – è membro di gruppi musicali, insegna anche la pianoforte. Durante il concerto finale, ha eseguito la canzone di Josh Groban “You raise me up”.

Dopo la bella esibizione dell’artista dalla Nuova Zelanda, il palco è stato preso dai più giovani partecipanti al festival: il quattordicenne chitarrista Krzysztof Szczygielski (ha suonato “Campomoro” di Joep Wanders) e una pianista di 10 anni Samira Yusupowa dal Kazakistan (ha suonato una delle opere di Piotr Czajkowski). Il dodicenne Aruzhan Narashova dal Kazakistan ha conquistato il cuore del pubblico non solo con l’abile performance di “Rondò – Toccata” di Dmitrij Kabalewski, ma anche con la grazia con cui è entrata sul palco in un bellissimo costume popolare kazako. Anche Biektore Zhayshylyk si è esibito in modo folk, suonando sul dombra (strumento popolare kazako) una delle tradizionali canzoni kazake.

L’esibizione della “piccola principessa”, come Maciej Miecznikowski chiamò Shiang Tzu Huang, mostrò quanto grande e rapido progresso possa essere fatto da un bambino che sente attraverso gli impianti. Un bambino di 9 anni di Taiwan ha imparato a suonare il piano solo per due anni, ma la canzone “Dolly’s dreaming and awakening” di Theodore Oesten è stata eseguita con grande abilità. Il pubblico è rimasto sbalordito. Tuttavia, il dodicenne paziente dell’Istituto di Fisiologia e di Patologia dell’Udito, Piotr Nowacki, ha ottenuto la più grande simpatia. La famosa canzone “Sofia” di Alvaro Soller cantava in spagnolo con tanta passione ed energia che il pubblico cominciò ad accompagnarlo con applausi.

Anche il più vecchio partecipante al Festival, il 67enne John Redden, ha suscitato l’entusiasmo del pubblico. È un uomo d’orchestra, suona la chitarra e l’armonica orale. Due anni fa è stato il vincitore del Festival. Durante il concerto finale ha suonato una canzone melodiosa, un po ‘sentimentale. Quest’anno è diventato noto come un amante di un fardello più forte, interpretando “Seventh Son” di Johnny Rivers. Laima Jakaite, una pianista islandese di 48 anni, ha presentato il pubblico a uno dei preludi di Johann Sebastian Bach, introducendo il pubblico in un momento di riflessione.

Il concerto si è concluso con il 28enne Sebastian Fehr dall’Austria. La sua storia (perdendo l’udito era convinto che non suonerà mai più la sua tromba preferita) ha commosso il pubblico, la performance di Sebastian con la band in costume popolare tirolese e la canzone “Share my yoke” ha fatto ridere il pubblico.

Oltre a dieci dei vincitori di quest’anno durante il concerto – insieme all’Orchestra da Camera dei Giovani “Divertimento” diretta da Krzesimir Dębski – si sono anche presentati i pazienti del prof. Skarżyński i vincitori delle precedenti edizioni del Festival “Dei Ritmi Cocleari”: Małgorzata Strycharz-Dudziak, Estera Łabiga, Anna Adamowska, Daria Władzińska, Weronika Niczyporuk e Olaf Kaca. Si sono esibiti insieme per la prima volta, eseguendo
uno dei pezzi scritti dal prof. Henryk Skarżyński (musica del Prof. Krzesimir Dębski) “Quando ho riacquistato l’udito”.

La sua prima ha avuto luogo nel novembre 2016 durante un concerto per celebrare il 20 ° anniversario dell’Istituto di Fisiologia e di Patologia dell’Udito presso la Filarmonica Nazionale. Il pezzo predisposto per gli strumenti era un’espressione di gratitudine
per i pazienti per il prof. Henryk Skarżyński per il dono dell’udito. Ma non solo questa performance dovrebbe essere considerata speciale. I nostri vincitori hanno dimostrato che le persone con impianti uditivi possono sentirsi perfettamente sul palco non solo da soli, ma anche, usando sessioni di ascolto, suonare e cantare con l’accompagnamento dell’orchestra. La performance è stata una grande sfida per loro. Tuttavia, come ha sottolineato Małgosia Strycharz-Dudziak dopo il concerto, grazie a precedenti tentativi l’intero gruppo ha potuto incontrarlo.

Anche un pianista di spicco come Davide Santacolomba, diplomato al conservatorio di Palermo, allievo della pianista ucraina Anna Kravtchenko, il vincitore del festival “Dei Ritmi Cochleari” di due anni fa e un ospite speciale dell’edizione di quest’anno. Ha già avuto molti concerti, ma ha sempre suonato da solo. Prima del concerto a Varsavia, era preoccupato di “andare d’accordo” con una grande orchestra. Le sue paure risultarono infondate. Grazie alla collaborazione sul palco con il maestro Krzesimir Dębski, ha eseguito perfettamente l’eccezionale composizione di Grande Polonaise (Wielki Polonez) di Fryderyk Chopin. Il pubblico è stato incantato.

Lo spettacolo del pianoforte è stato dato anche dal quindicenne Vsevolod Khmielnitski dalla Russia, vincitore del Festival di due anni fa. Durante la prima esibizione all’Università di Musica Frederick Chopin ne giurati ne pubblico, non avevano dubbi che avesse un grande talento. A luglio di quest’anno si è esibito come pianista speciale e maturo. Sul palco di Sinfonia Varsovia ha suonato una delle canzoni di Edvard Grieg.

Un momento clou insolito del concerto di quest’anno è stata la performance dei bambini del gruppo di musicoterapia del Centro Mondiale dell’Udito. Le lezioni con l’uso della musica per i bambini con l’impianto sono state condotte per diversi mesi come parte del programma scientifico e musicale “Musica nello sviluppo uditivo del uomo”, realizzato su iniziativa del prof. Henryk Skarżyński presso l’Istituto di Fisiologia e di Patologia dell’Udito.
La performance dei piccoli pazienti, preparata dal musicoterapeuta Agnieszka Sepioło, ci ha fatto capire come la musica (“Danza d’Anitra ” di Edvard Grieg) possa coinvolgere bambini udenti grazie agli impianti uditivi, che influiscono favorevolmente sulla riabilitazione dell’udito.

Nel finale – proprio come durante i precedenti concerti che hanno chiuso il Festival “Dei Ritmi Cocleari” – il duetto Basia Kaczyńska (mezzo-soprano) e Maciej Miecznikowski (baritono) insieme ai partecipanti e tutti gli artisti partecipanti al concerto hanno cantato l’inno “Il mondo che sento”. Le parole per questo pezzo in occasione della prima edizione del Festival ha scritto il prof. Henryk Skarżyński, e la musica è stata composta dal prof. Krzesimir Dębski. Il pubblico, che durante il concerto è stato accompagnato dalle più diverse emozioni – da una triste réverie all’esplosione di gioia, ha salutato tutti gli artisti e l’orchestra con un applauso fragoroso.