La conferenza del prof. Henryk Skarżyński in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico presso la Facoltà Pontificia di Teologia

Home / News / La conferenza del prof. Henryk Skarżyński in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico presso la Facoltà Pontificia di Teologia

La conferenza del prof. Henryk Skarżyński in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico presso la Facoltà Pontificia di Teologia

La conferenza del prof. Henryk Skarżyński in occasione dell’inaugurazione dell’anno accademico presso la Facoltà Pontificia di Teologia

Il 3.10.2016, in occasione dell’apertura dell’anno accademico il prof. Henryk Skarżyński, ha tenuto una conferenza dal titolo “Disordini della comunicazione interpersonale come motivo di isolamento e sofferenza” presso la Facoltà Pontificia di Teologia a Varsavia.

Nella chiesa di seminario di Varsavia il prof. Skarżyński parlava non solo di sofferenza: come ha detto Sant’Agostino: “In questo mondo non puoi soffrire”. Se vediamo qualcuno che sta lottando con una malattia grave e cronica, è ovvio che questo uomo soffre. Ma ci rendiamo conto che la persona con i problemi di udito è sofferente? Qui, non voglio parlare, anche della totale sordità, perché è rara. Penso dei problemi di udito che ostacolano la comunicazione quotidiana. Recentemente, nei media sono stati presentati diversi rapporti di sofferenza, di depressione. Purtroppo, solo in un solo pezzo di informazioni è stato menzionato che possono essere causati da disturbi dell’udito.

Dobbiamo renderci conto che l’udito è il nostro primo canale di informazione. Durante la vita fetale, si sviluppa prima degli altri sensi. Grazie alle tecnologie moderne, alle immagini di risonanza magnetica funzionale e all’elettroencefalografia, possiamo rintracciare il suo sviluppo. Attraverso l’uso di queste tecnologie – usando il percorso uditivo – possiamo sapere cosa sta succedendo nel nostro cervello, tra cui definire i centri responsabili del dolore e della sofferenza fisica (purtroppo, è più difficile nel caso quando parliamo di dolore e della sofferenza definiti più ampiamente). Analizzando il funzionamento del cervello utilizzando la risonanza magnetica funzionale, possiamo sapere se qualcuno è in grado di identificarsi con un’altra persona che soffre e di catturare fenomeni atipici, indicando che qualcuno non sa compatire (psicopatico).

Perché i disturbi dell’udito che ostacolano la comunicazione sono un motivo così importante per la sofferenza? La comunicazione è essenziale nello sviluppo delle società moderne. L’udito dà l’opportunità di sviluppare la favella e la lingua, o piuttosto le lingue (attualmente, senza conoscenza di diverse lingue, è difficile parlare della qualità dell’istruzione, del buon lavoro). Tuttavia, una crescente percentuale di persone nel mondo ha problemi di udito. Secondo le informazioni raccolte da congressi scientifici continentali e internazionali già più di un miliardo di persone hanno problemi di udito che ostacolano la comunicazione quotidiana. I disturbi uditivi sono pertanto un grave problema sociale.

La nostra società sta invecchiando. Il numero delle nascite sta diminuendo e ci sono sempre più persone anziane. Tre quarti di persone di età superiore ai 75 anni hanno diversi tipi di problemi di udito. Queste persone soffrono perché non sentono, non capiscono. Si ritirano dalla vita sociale. Dobbiamo impedire il loro isolamento, soddisfare le loro esigenze.

Secondo la ricerca dell’Istituto di Fisiologia e di Patologia dell’Udito, i disturbi dell’udito sono più comuni nei bambini. Solo qualche millesimo dei bambini nasce con la sordità. Già nei primi anni della scuola, circa 20 per cento dei bambini ha diversi tipi di disturbi dell’udito. Questo è il prezzo che la generazione più giovane paga per la vita nel rumore onnipresente, per ascoltare la musica attraverso un casco e così via.

Possiamo prevenire la sofferenza causata di disturbi dell’udito? Sì. Dobbiamo cercare i test diagnostici che consentano di individuare i primi segnali di perdita dell’udito. La diagnosi precoce dovrebbe consentire di dire: in 10 anni questa malattia si può sviluppare in Lei.
Ma possiamo impedire o rallentare suo sviluppo proteggendo il udito. E se la malattia si sviluppa, deve essere trattata. Oggi abbiamo le possibilità tecnologiche che ci permettono di migliorare l’udito in quasi tutti i pazienti.

Non solo i medici, ma ognuno di noi ha l’opportunità di sostenere quelli che soffrono. Questo può essere fatto rafforzando i contatti multigenerazionali, coltivando i valori familiari e la solidarietà familiare. La cura istituzionale non può sostituire la famiglia! Nel mondo non esiste un sistema che offre ad ogni persona tutto ciò che desidera. Se dimentichiamo i valori tradizionali della famiglia, abbiamo poche possibilità di vincere la battaglia contro l’isolamento, il dolore e la sofferenza.