Congresso della Società Tanzaniana dell’Oto-Rhino-Laringoiatria (TENTS)

Home / News / Congresso della Società Tanzaniana dell’Oto-Rhino-Laringoiatria (TENTS)

Congresso della Società Tanzaniana dell’Oto-Rhino-Laringoiatria (TENTS)

,

Nel novembre del 2015, il team di Centro Mondiale dell’Udito ha condotto lo screening uditivo a Kigali in Ruanda ed a Kilimanjaro, in Tanzania, e ha partecipato al Congresso della Società Tanzaniana dell’Oto-Rhino-Laringoiatria. Gli specialisti riuniti in questo incontro – otorinolaringoiatri, chirurghi della testa e del collo, otoneurologici – rappresentavano i più grandi centri otorhinolaringoiatrici in Tanzania, tra cui l’Ospedale Nazionale di Muhimbili e il Centro Medico Cristiano di Kilimanjaro.

 Tra i partecipanti onorari della conferenza sono stati:

Prof. Henryk Skarżyński, Dott. Piotr Skarżyński, Dottore di Medicina, Prof. Gayle E. Woodson (Stati Uniti), Dr Niels Van Heerbeek (Paesi Bassi), Dr Robbins (Stati Uniti d’America). Il Centro Mondiale dell’Udito è stato rappresentato da: Ing. Adam Piłka, Marta Zwolińska, Kamila Osińska e Ing. Mohamed Najjar Aymen.

La conferenza è stata organizzata dal dott. Edwin Liyombo, responsabile del Dipartimento dell’Oto-Rhino-Laringoiatria dell’Ospedale Nazionale Muhimbili di Dar es Salaam e del Presidente della Società Tanzaniana dell’Oto-Rhino-Laringoiatria, l’organizzazione, grazie a quale un gruppo sempre più grande di medici locali ha la possibilità di approfondire le loro conoscenze e migliorare le loro qualifiche partecipando a conferenze e workshop.

Le questioni più importanti nel campo dell’oto-rhino-laringoiatria  sono state sollevate durante la conferenza. Come uno dei più interessanti, è stato scelto il problema della sordità parziale. Il dott. Piotr Skarżyński, Libero Docente di Medicina, ha parlato delle possibilità di trattamento chirurgico di sordità parziale utilizzando il metodo a sei fasi sviluppato dal professore Henryk Skarżyński e i risultati dell’udito ottenuti in diversi gruppi di pazienti sottoposti a procedura di impianto cocleare. Durante il suo altro percorso, ha presentato l’idea di screening uditivo utilizzando la Piattaforma d’Esaminare dei Sensi. Il dott. Skarżyński ha riassunto i risultati degli studi condotti dagli specialisti dell’Istituto in 12 paesi (in Europa, Asia e Africa).

L’Istituto di Fisiologia e di Patologia dell’Udito è uno dei centri più specializzati nel campo degli impianti cocleari. Ecco perché gli esperti provenienti dalla Tanzania hanno ascoltato con grande interesse i corsi presentati da Marta Zwolińska e Eng. Aymen Mohamed Najjar per la teleaudiologia, la telefitting e la riabilitazione dell’udito a distanza, che determina in gran parte l’efficacia del trattamento della profonda sordità. Questi metodi innovativi possono essere applicati anche in Tanzania – Internet è lì disponibile e la sua velocità aumenta costantemente. Utilizzando i metodi di telemedicina in Africa, è possibile, tra l’altro, consultare i pazienti locali con i gravi disturbi otorinolaringoiatrici a Kajetany, nonché l’istruzione a distanza per i medici nei corsi organizzati dall’Istituto.

Il problema delle cause perinatali di sordità è stato presentato dal medico Kamila Osińska dell’Istituto di Fisiologia e di Patologia dell’Udito. Secondo l’ultima relazione dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, la sordità profonda si verifica in 1-3 per 1.000 nascite. Nel gruppo di bambini trattati nel Dipartimento di Neonatologia questa percentuale è più alta – grave perdita dell’udito avviene in 2-4 per 1.000 bambini. Come si può vedere dall’analisi statistica eseguita presso l’Istituto tra i giovani pazienti i neonati prematuri nati tra le 24 e le 28 settimane di gestazione sono il più grande gruppo di beneficiari di impianti cocleari. I fattori di rischio perinatali che causano la sordità profonda sono più spesso: asfissia, droga ototossica, terapia respiratoria usando un respiratore, infezione intra-uterina, iperbilirubinemia.

Il medico Osińska ha sottolineato che durante la qualificazione dei giovani pazienti per l’impianto cocleare bisogna essere cauti. L’immaturità di altri sistemi può infatti essere una controindicazione per l’intervento chirurgico in anestesia generale. Durante il Congresso della Società Tanzaniana di Oto-Rhino-Laryngologoiatria, gli ultimi successi nel trattamento dei problemi di udito sono stati presentati anche utilizzando un dispositivo di conduzione dell’osso Baha Attract. È un metodo efficace per il trattamento della perdita uditiva conduttiva, la sordità leggera mista e la sordità unilaterale.

Spesso è un metodo unico di trattamento in casi di lesioni avanzate nell’orecchio, tra le altro, il colestéatome dell’orecchio medio che è una otite cronica. Questo sistema offre un significativo miglioramento della comprensione del linguaggio, è facile da usare e – come è stato affermato durante il lungo follow-up postoperatorio – consente ai pazienti di ottenere risultati uditivi migliori. I risultati delle osservazioni di un grande gruppo di pazienti suggeriscono che si tratta di un metodo efficace per curare la perdita dell’udito in caso di lesioni post-infiammatorie estremamente avanzate, postoperatorie o nei difetti congeniti delle orecchie esterne e medie.

I corsi presentati al congresso in Tanzania hanno affrontato anche le opzioni di trattamento per i tumori della testa e del collo. Particolare enfasi è stata posta sulle tecniche e sugli interventi chirurgici per evitare le complicanze più comuni dopo la chirurgia del cancro. Il professore Mark Zafereo dell’Università del Texas ha evidenziato i principali tipi di malattie salivari

e opzioni di trattamento per il cancro laringeo e il cancro della gola profonda. Il professore Gayle E. Woodson della School of Medicine di Southern Illinois University a Springfield ha presentato la questione di una delle complicanze più comuni della chirurgia di tiroidea – paralisi del cavo vocale, le sue cause e le possibilità di trattamento. Durante il soggiorno in Africa, il team di Centro Mondiale dell’Udito ha condotto uno screening di due giorni nei bambini di età scolare. Questa ricerca confronterà la prevalenza della perdita uditiva in Tanzania e Ruanda con popolazioni in altri paesi africani, asiatici ed europei.

Il lavoro dei nostri specialisti è stato molto ben accolto dalle comunità locali. Diverse volte gli specialisti locali hanno sottolineato la volontà di eseguire lo screening dell’udito. Hanno chiesto domande dettagliate relative all’apparecchiatura utilizzata, alla tecnica di ricerca e ai passi successivi nella diagnosi del rilevamento delle perdite uditive e dei passaggi di trattamento.

Inizialmente la proiezione è stata effettuata a Kigali, in Ruanda, in due scuole dirette dalle Suore Pallottine. Ha esaminato 195 pazienti all’età di 4 a 20 anni, con il più grande gruppo di bambini di età compresa tra 6 e 11 anni.

Lo studio è stato condotto eseguendo video-otoscopia, audiometria tonale, emissioni acustiche e usando la Piattaforma d’Esaminare dei Sensi. 40 per cento dei risultati positivi sono stati ottenuti dopo aver effettuato emissioni acustiche o audiometria tonale per almeno un orecchio e il 44 per cento dei risultati positivi dopo aver eseguito la video-otoscopia. I problemi più frequenti dell’orecchio sono i tappi a vite, le aderenze, la timpanosclerosi, le tasche di ritrazione e le perforazioni della membrana timpanica.

In una paziente è stata rilevata l’otite cronica bilaterale dell’orecchio medio con otulare purulenta, che richiede un trattamento immediato. Il seguente screening è stato condotto in una scuola elementare a Moshi, in Tanzania. Ha esaminato 200 bambini all’età di 5-11 anni, con il più grande gruppo di bambini di età compresa tra 6 e 8 anni. Lo scopo dello studio era lo stesso di Kigali. 41 per cento dei risultati positivi sono stati ottenuti per almeno un orecchio e il 59 per cento dei risultati positivi dopo la video-otoscopia.

Le lesioni più frequentemente riscontrate sono state tamponi, aderenze, timpanosclerosi, atelettasi del timpano con i gradi diversi di fase, otite dell’orecchio medio con effusione, alterazione dell’anatomia dell’orecchio medio e esterno. Sono stati diagnosticati due casi di media otite acuta. In uno dei bambini è stata rilevata l’otite cronica. Il bambino è stato trattato in una stazione locale. Secondo gli specialisti di Moshi, l’otite media è uno dei disturbi più comuni tra i bambini in Tanzania. Come evidenziato da questo, ci sono numerosi cambiamenti post-infiammatori osservati durante durante gli esami di video-otoscopia.

Durante i test di screening non sono state osservate i casi di otite acuta o alterazioni dell’effusione, che sono correlate al tempo. Lo studio è stato condotto all’inizio delle brevi piogge, cioè prima della più alta incidenza delle infezioni delle vie respiratorie superiori. L’analisi statistica dei risultati di screening in Ruanda e in Tanzania indica problemi significativi nel rilevamento e nel trattamento della perdita uditiva tra i bambini. Gli atteggiamenti positivi dei professionisti locali e l’elevata necessità di formazione in audiologia e otoriatria offrono la speranza di una collaborazione a lungo termine tra i professionisti di Kajetany e l’Africa.