2a Conferenza “Linee guida in otorinolaringoiatria, audiologia e foniatria”

Home / News / 2a Conferenza “Linee guida in otorinolaringoiatria, audiologia e foniatria”

2a Conferenza “Linee guida in otorinolaringoiatria, audiologia e foniatria”

, , ,
2a Conferenza “Linee guida in otorinolaringoiatria, audiologia e foniatria”

Già per la seconda volta l’Istituto di Fisiologia e di Patologia dell’Udito con l’Istituto degli Organi Sensoriali e il Centro dell’Udito e della Favella “Medincus” hanno organizzato la conferenza scientifica: “Linee guida in otorinolaringoiatria, audiologia e foniatria”, con il patrocinio del prof. Henryk Skarżyński, Consulente Nazionale di Otorinolaringoiatria. La conferenza si è tenuta a Zakopane dal 9 all’11 marzo 2017. Piu di 500 specialisti di tutta la Polonia hanno partecipato alla conferenza.

– Spero che questa conferenza sarà ricordata dai partecipanti come un importante evento scientifico, organizzativo ed educativo – ha affermato il prof. Henryk Skarżyński per accogliere i partecipanti, tra cui i professionisti esperti e molti giovani medici. – Questa conferenza è un’opportunità per mostrare alle nuove generazioni come condividere conoscenze ed esperienze – ha aggiunto il prof. Skarżyński.

Le linee guida del titolo della conferenza sono il quotidiano nel lavoro clinico. Non solo facilitano il trattamento dei pazienti, ma permettono anche di confrontare gli effetti del trattamento con altri centri clinici, il professore Paweł Stręk lo ha sottolineato alla conferenza inaugurale. In una situazione in cui sempre più pazienti segnalano un reclamo, spesso utilizzando l’aiuto di avvocati, le linee guida possono anche fungere da polizza assicurativa per il medico. La loro conoscenza e il loro rispetto nella pratica clinica quotidiana sono quindi estremamente importanti, sebbene, in generale, il rispetto delle procedure, secondo alcuni esperti, sia contrario alla convinzione che la medicina sia un’arte.

In un ampio programma della conferenza a Zakopane c’erano le domande riguardanti la diagnosi, il trattamento e la riabilitazione dei disturbi dell’udito e del linguaggio, comprese le ultime opportunità di trattamento chirurgico in pazienti non udent ai un orecchio, e nel secondo orecchio con i disturbi uditivi. A questo proposito il prof. Henryk Skarżyński ha dedicato la sua conferenza inaugurale. Sulla base di molti anni di esperienza, sono stati sviluppati gli standard che consentono un trattamento chirurgico efficace di un orecchio che funziona o funziona parzialmente, secondo il professore Skarżyński. Tali trattamenti vengono eseguiti senza esitazione in caso di infezioni alle orecchie, quando è necessario salvare la salute e talvolta anche la vita del paziente. Il trattamento chirurgico è ora considerato in pazienti con diversi tipi di danni che causano una perdita dell’udito neurosensoriale in un orecchio unico che funziona o con l’otosclerosi.

In caso di perdita dell’udito nell’unico orecchio funzionante, se i test per applicare gli apparecchi acustici non danno dei buoni risultati, al momento proponiamo l’installazione di un impianto, ha sottolineato il professore Skarżyński. Il suo tipo è scelto individualmente, a seconda della perdita uditiva. In caso di posizionamento di apparecchi acustici nell’unico orecchio funzionante, vengono utilizzati gli impianti uditivi a conduzione ossea e gli impianti dell’orecchio medio nonché gli impianti cocleari. La selezione di un elettrodo appropriato mantiene la struttura intatta dell’orecchio interno e l’udito residuo naturale.

Il trattamento dell’otosclerosi è sempre stato un compito difficile per i medici. La chirurgia dell’orecchio toccato dal processo della malattia quando l’altro orecchio è completamente sordo, è la più grande sfida. La chirurgia, tuttavia, è per questo tipo di paziente l’unica possibilità di rimanere nel mondo dei suoni. Non tutti gli otochirurghi sono in grado di intraprendere tale operazione e di eseguirla professionalmente. Il Prof. Henryk Skarżyński è un grande esperto in questo senso: per 35 anni del suo lavoro ha eseguito 19 mila interventi chirurgici per il trattamento dell’otosclerosi, incluse quasi 500 di tali procedure in pazienti già sordi da un orecchio.

– Quando, nel 1998, durante uno dei congressi mondiali, prima dell’incontro nazionale degli otorinolaringoiatri e la discussione della tavola rotonda programmata, preparandosi per questa ho chiesto agli otorinolaringoiatri più straordinari del mondo, qual è la loro opinione sull’operazione di un singolo orecchio che funziona, solo tre di essi hanno visto – indicazioni per tale trattamento, pur mantenendo una grande cautela. Secondo la maggioranza di loro, si dovrebbe provare a usare gli apparecchi acustici ed aspettare. Il problema è che lo sviluppo della malattia non può essere fermato. Ecco perché abbiamo fatto di tutto per non aspettare e non rinviare il trattamento – ha ricordato il professore Skarżyński durante la sua lezione.

Attualmente, ci sono molte possibilità per ricostruire il dispositivo conduttivo dell’orecchio medio usando protesi che sostituiscono una staffa rimossa che non si muove. Esistono diversi tipi di queste protesi. Il professore Skarżyński, che ha sviluppato uno dei modelli, durante la conferenza, ha sottolineato quanto sia importante regolare la lunghezza della protesi, e talvolta la sua modifica per adattarsi il più possibile all’anatomia dell’orecchio. paziente e le dimensioni del suo orecchio. Il professore Skarżyński ha sensibilizzato gli otochirurghi presenti alla conferenza sull’importanza di sigillare il pistone usando un coagulo di sangue venoso durante l’operazione. È un errore usare un pezzo di grasso per questo, che sta ancora accadendo in alcuni centri, ha detto il professore Skarżyński. Ogni quarta operazione eseguita in questo modo sbagliato termina con complicazioni, come la fistola. Questo accade perché il grasso, al contrario di un coagulo di sangue, non si integra con la mucosa, non sigilla bene il pistone della protesi.

Le sessioni dedicate all’otochirurgia, i progressi negli impianti cocleari e uditivi, presieduti dal professore Henryk Skarżyński, hanno completato la sua conferenza inaugurale. Questa è stata l’occasione per evidenziare gli effetti eccellenti del trattamento che gli specialisti dell’Istituto di Fisiologia e di Patologia dell’Udito ottengono in pazienti con vari tipi di perdita dell’udito attraverso l’uso di diversi tipi di impianti. Il dott. Artur Lorens, libero docente ha presentato, tra gli altri, gli ultimi risultati della ricerca condotta presso il Dipartimento dell’Istituto di Implantologia e di Percezione Uditiva, che mostra che nel caso di pazienti con la sordità unilaterale e di pazienti con la perdita uditiva un impianto cocleare rappresenta un’opportunità non solo per ripristinare l’udito binaurale, ma anche l’udito direzionale. Dopo l’operazione e una buona riabilitazione dei pazienti iniziano a localizzare la fonte del suono, in modo che possano comunicare più facilmente con gli altri (più attenzione a questo argomento che dedicheremo nel prossimo numero di “Słyszę” ).

Durante la sessione sugli impianti cocleari, la conferenza in cui il dott. Piotr Henryk Skarżyński, libero docente ha presentato rapporti sull’uso di nuovi tipi di impianti e le nuove idee per il trattamento della perdita uditiva ha incontrato il grande interesse. Una grande discussione è scaturita da tutte le relazioni presentate dal dott. Skarżyński, libero docente riguardano i primi tentativi di posizionamento degli impianti da parte dei robot. La robotica è una delle nuove direzioni della medicina. I primi due interventi chirurgici che utilizzano robot appositamente programmati saranno eseguiti in un centro otochirugico a Berlino, ha affermato il dott. Skarżyński, libero docente. Riferendosi ai test di stimolazione ottica (con l’uso di un raggio di luce) del nervo uditivo nei laboratori giapponesi e alla rigenerazione di cellule difettose della coclea usando cellule staminali, ha notato che anche i pazienti con gli impianti possono beneficiare di questi metodi (se gli scienziati riescono a svilupparli). Come è stato sottolineato più volte durante la conferenza, il metodo sviluppato dal professore Henryk Skarżyński dell’introduzione dell’elettrodo attraverso la finestra rotonda è atraumatico e consente la conservazione delle strutture esistenti dell’orecchio interno.

Un tema importante, in prospettiva del Congresso organizzato in due mesi a Varsavia (1st World Tinnitus Congress) c’erano gli acufeni. Sulla diagnosi e sul trattamento la dott.ssa Agnieszka Szczepek, che ha lavorato per 11 anni nel più grande ospedale universitario in Europa – Charity ha dedicato il suo corso per la conferenze inaugurale. È autrice di quattro libri sugli acufeni e il membro della rete europea di ricerca – Tinnet, che sta analizzando gli standard attuali e creando nuovi standard per la diagnosi e la classificazione degli acufeni. Durante la sua conferenza, la dott.ssa Szczepek ha presentato i metodi che cerchiamo di utilizzare nel trattamento degli acufeni. Attualmente il metodo cognitivo-comportamentale è considerato un metodo efficace considerando l’intero spettro di questi metodi. Questo è lo stesso metodo utilizzato ad esempio nel caso dell’aracnofobia. Durante la sessione,
al paziente vengono mostrati dei ragni e viene gradualmente abbituato per vederli – ha spiegato la dott.ssa Szczepek. Nel caso degli acufeni, il trattamento mira ad abituarsi ai suoni fantasma. L’estratto di Ginkgo biloba è considerato un farmaco efficace, ha detto alla conferenza.

Il tema degli acufeni, che è stato colpito dalla dott.ssa Szczepek è continuato durante la sessione per gli acufeni, che è stato condotto dal Dott.ssa Danuta Raj-Koziak, capo del Dipartimento degli Acufeni dell’IFPS. Questa sessione è stata l’occasione per discutere le nuove idee per il trattamento degli acufeni, la cui efficacia è confermata dai risultati della ricerca condotta presso l’Istituto. Il dott. Rafal Milner ha presentato i risultati ottenuti dopo la terapia con Neurofeedback dei potenziali corticali liberi nei pazienti affetti dagli acufeni cronici. È un disturbo, per il quale fino ad ora non esistevano le terapie efficaci. Secondo la ricerca del dott. Milner, il neurofeedback può essere un’alternativa nel trattamento di questo tipo di acufeni. Dopo il completamento della formazione in pazienti è stata osservata una serie di modifiche vantaggiose dell’attività elettrica del cervello, c’era, tra gli altri, la normalizzazione dell’attività EEG in aree di riposo e le strutture di rete che prenderanno parte alla produzione di tinnito o la sua influenza sulle emozioni.

Inoltre, la ricerca del questionario ha mostrato che i pazienti dopo le sessioni di neurofeedback avevano più successo nella vita di tutti i giorni. Nell’esperimento sono stati ottenuti risultati positivi, durante i quali i pazienti con gli acufeni cronici hanno praticato yoga due volte alla settimana sotto la supervisione di un insegnante di yoga certificato dall’India. L’EEG fatto in un gruppo di più di dieci persone prima dell’allenamento e dopo alcune settimane della sua durata ha mostrato che gli esercizi del respiro e dei muscoli influenzano l’attività bioelettrica del cervello, che causa la tranquillità emotiva. Dopo l’allenamento, ha anche osservato cambiamenti nelle strutture cerebrali descritti come cruciali per la generazione di tinnito. Durante la conferenza, i risultati del lavoro sono stati presentati da: Małgorzata Ganc e Iwona Niedziałek. Un grande interesse dei partecipanti hanno suscitato le lezioni sul cosiddetto ricovero psicologico, condotto da psicologi dell’Istituto presso il Centro Internazionale della Riabilitazione a Łeba. La terapia di gruppo, che mira ad adattarsi al problema – agli acufeni, porta dei ottimi risultati, di che Małgorzata Fludra e Izabela Sarnicka hanno parlato alla conferenza.

I lavori presentati hanno confermato ciò che Szczepek ha detto prima – gli acufeni hanno una forte associazione con lo stress (come il primo questo rapporto ha scoperto uno psichiatra americano Edmund Jacobson, il creatore della tecnica di rilassamento e il biofeedback). Pertanto, secondo le istruzioni del dott. Szczepek, un paziente che viene in ambulatorio con il problema dell’acufene, non si deve mai dire che abbia una malattia incurabile. Il medico dovrebbe dire con ottimismo: “È molto bello che tu sia venuto da me, faremo qualcosa con questo problema. Il problema degli acufeni non deve essere sottovalutato. Oltre il 10 percento i pazienti affetti da questa malattia cadono in depressione, che è stata sottolineata durante la conferenza dal Prof. Jurek Olszewski, Capo della Clinica di Otorinolaringoiatria, Oncologia Laringoiatrico, Audiologia e Foniatria presso il Centro Ospedaliero Clinico dell’Università
di Łódź.

Durante la conferenza molto tempo è stato dedicato alla rinologia e in particolare ai metodi di trattamento della sinusite. Le linee guida dell’American Academy of Otolaryngology – Head and Neck Surgery on Adult Sinusitis sono state presentate alla conferenza inaugurale dal Prof. Paweł Stręk, Presidente della Sezione di Rinologia e della Chirurgia Plastica della Società Polacca degli Otorinolaringoiatri Chirurghi della Testa e del Collo. Per i metodi endoscopici di trattamento sinusale, si è tenuta una sessione separata, durante la quale la dott. Iwona Gwizdalska ha discusso, tra le altre cose, del ruolo di un biofilm batterico nella formazione della sinusite e presentato metodi chirurgici per il trattamento della sinusite, incluso i test
di palloncini.

Gli specialisti dell’Istituto di Fisiologia e di Patologia dell’Udito hanno anche presentato i risultati delle loro ricerche sui problemi dell’otologia, sui metodi di ricerca oggettivi e sulla riabilitazione dell’udito. Quest’ultimo punto è stato oggetto di una tavola rotonda, presieduta dalla dott.ssa Anna Geremek-Samsonowicz, responsabile della Clinica di Riabilitazione dell’Istituto. All’inizio della discussione ha ricordato gli obiettivi di riduzione dell’udito della dott.ssa Joanna Szuchnik che sono ancora attuali (dopo la prima operazione di installazione di un impianto cocleare in Polonia dal Prof. Henryk Skarżyński). – A quel tempo, non ci aspettavamo che il paziente con l’impianto comprendesse la parola, oggi ci sforziamo di assicurare che il paziente comprenda il modo migliore non solo in silenzio, ma anche in condizioni acustici difficili – ha detto il dott. Geremek.

Lo spettro degli argomenti discussi durante la conferenza era molto ampio. Ci sono stati argomenti riguardanti tra l’altro: genetica, imaging, disturbi uditivi centrali, otoneurologia (sessione aggiuntiva dedicata alla vertigine e al suo trattamento), disturbi della voce e riabilitazione fonetica, otorinolaringoiatria pediatrica, così come oncologia. Il tema della tavola rotonda è stato il cancro del viso, che sta diventando sempre più comune nelle popolazioni che invecchiano.

Le lezioni sono state accompagnate da 21 workshop, una prova di conoscenze otorinolaringoiatriche per i medici che si preparavano per la specializzazione e due sessioni di giovani scienziati. Per i principianti nel campo della scienza la presentazione degli argomenti scelti in presenza di esperti medici (presidente della sessione c’era il Prof. Henryk Skarżyński al tavolo presidenziale c’era ancora: il professore Jurek Olszewski e il dott. in medicina Anna Geremek-Samsonowicz) è diventata una lezione unica. Giovani scienziati hanno discusso, tra le altre cose, dei risultati della ricerca sui disturbi dell’olfatto, sugli effetti dell’impianto cocleare in un paziente con sindrome di Cogan (una malattia autoimmune che presenta sintomi di infiammazione della cheratite e disturbi dell’udito) e problemi di acufene nei pazienti prima dell’impianto e dopo l’impianto degli impianti uditivi. Tali presentazioni, dopo l’elaborazione potrebbero essere presentati a congressi internazionali, ha detto il prof. Henryk Skarżyński incoraggiando i partecipanti alla sessione di giovani scienziati a partecipare a una serie di importanti conferenze mondiali organizzate dall’Istituto di Fisiologia e di Patologia dell’Udito e dell’Istituto degli Organi Sensoriali.

A maggio, ci saranno due incontri internazionali: 1st World Tinnitus Congress et XXV International Evoked Response Audiometry Study Group Biennial Symposium (IERASG). Nel 2018, si svolgerà il 4th International Symposium on Otosclerosis and Stapes Surgery (conferenza si è tenuta a Cracovia, dove viene il professore Jan Kowlaski uno dei pionieri nel trattamento dell’otospongiosi.), Nel 2019 – 32 nd Politzer Society Meeting 2 nd World Congress of Otology, mentre nel 2020 – XXXV World Congress of Audiology. – Stiamo facendo tutti questi incontri con l’intenzione di mostrare alla comunità scientifica polaccai nostri successi polacchi in varie specialità, ha detto il professore Skarżyński.

Il Professore Skarżyński ha anche annunciato la terza edizione del Festival “Dei Ritmi Cocleari”, sottolineando che i partecipanti, le persone con disabilità uditive, che dopo il posizionamento dell’impianto hanno abbastanza capacità uditive per sviluppare i talenti musicali mostrano nel modo migliore quanti progressi sono stati fatti nella scienza e nella medicina. Non sono solo rappresentanti dell’Istituto di Fisiologia e di Patologia dell’Udito, ma anche dell’intero ambiente otorinolaringoiatrico. – È importante che qualcuno che ha problemi di udito e sia lasciato con la difficile scelta di un metodo di trattamento, potrebbe vedere quali sono le possibilità per coloro che hanno subito tale trattamento, ha detto il professore Skarżyński. Per l’organizzazione di eventi simili – come ha sottolineato – ci richiede la fedeltà ai pazienti e al nostro intero ambiente.