27esimo workshop internazionale di chirurgia della finestra rotonda WAW Window Approach Workshop

Home / News / 27esimo workshop internazionale di chirurgia della finestra rotonda WAW Window Approach Workshop

27esimo workshop internazionale di chirurgia della finestra rotonda WAW Window Approach Workshop

, ,
27esimo workshop internazionale di chirurgia della finestra rotonda WAW Window Approach Workshop

Il 9-10 gennaio 2017 nel Centro Mondiale dell’Udito ha ospitato 24 otorinolaringoiatri di diversi paesi del mondo, tra cui Russia, Ucraina, Costa d’Avorio, Kazakhstan, Kirghizistan
e Austria, che sono venuti a Kajetany per conoscere gli ultimi metodi di trattamento dei disturbi dell’udito utilizzando degli impianti uditivi.

Negli ultimi anni ci sono stati i progressi enormi nel campo dell’audiologia e dell’otologia.
I medici chirurghi specializzati nel trattamento dei problemi uditivi possono ora aiutare quasi tutti i pazienti, indipendentemente dal tipo e dalla gravità della perdita dell’udito. Un punto di svolta nel trattamento dei disturbi dell’udito è stato il programma di Partial Deafness Treatment (PDT) sviluppato e implementato nella pratica clinica dal prof. Henryk Skarżyński (i primi rapporti sull’argomento sono stati presentati nel 2000 alle conferenze ed ai congressi internazionali ad Anversa [ESPCI] e a Berlino [EFAS], e le prime operazioni di posizionamento dell’impianto cocleare nel caso della sordità parziale è stata eseguita dal Prof. Skarżyński nel 2002 [paziente adulto] e nel 2004 [bambino]).

Il metodo PDT permette d’assumere con gli indicazioni per il posizionamento di un impianto cochleare i pazienti che in precedenza non potevano ottenere aiuto – persone la sordita profonda o totale nelle alte frequenze e con l’udito corretto o quasi normale nella gamma di basse frequenze.

L’otochirurgo che desidera trattare efficacemente i suoi pazienti deve seguire le pubblicazioni scientifiche internazionali e ottenere una formazione aggiuntiva, partecipando a corsi, workshop e conferenze. I workshop WAW di Kajetany sono unici
in questo senso, in quanto offrono la possibilità di studiare l’uso di impianti nel trattamento della sordità parziale “alla fonte” – sotto la direzione del prof. Skarżyński. Ecco perché per più di 10 anni hanno attratto dei medici da tutto il mondo, dei centri che avviano dei programmi di impianto cocleare e gli esperti otochirurgi che desiderano affinare le proprie capacità.

Il programma scientifico del 27esimo Workshop WAW era composto da tre parti: teorica, operazioni dimostrative ed esercitazioni di laboratorio. Le conferenze sono state tradizionalmente presentate dagli esperti dell’Istituto di Fisiologia e di Patologia dell’Udito e di relatori ospiti, i maggiori esperti mondiali in materia di question relativi agli impianti.
In questa edizione un ospite speciale è stato il professore Klaus Böheim della Clinica St. Polten dell’Università di Innsbruck, un’autorità riconosciuta nel campo degli impianti attivi dell’orecchio medio.

I workshop di WAW si concentrano sulla formazione pratica. A questo proposito, il centro a Kajetany si distingue per la capacità di osservare le operazioni di dimostrazione “in vivo” del posizionamento di un impianto uditivo fatto dal professore Skarżyński con la squadra di della Clinica di Otorhinolaringoiatria dell’IFPS. Solo pochi centri al mondo sono in grado
di offrire tale possibilità grazie alle possibilita tecniche (il moderno Centro Mondiale dell’Udito è dotato di dispositivi che permettono il trasferimento dell’immagine dal microscopio operatorio nelle camere di formazione e una galleria unica che consente l’osservazione delle operazioni) e, soprattutto, a causa della possibilità del personale. Le operazioni di questo tipo sono una grande sfida per l’operatore, il cui movimento viene attentamente monitorato e valutato, così come per l’intero team in sala operatoria, che deve dimostrare la massima professionalità.

Per questo motivo, altri team chirurgici sono riluttanti a partecipare alle operazioni di dimostrazione. La pluriennale esperienza ha permesso al team della Clinica di Otorhinolaringoiatria dell’IFPS, che svolge ogni giorno il maggior numero di operazioni
che migliorano l’udito nel mondo rispondere a questa sfida.